Rendiamo felici gli utenti del tuo mondo digitale

Progettiamo, costruiamo e facciamo evolvere sistemi di comunicazione digitale.
Luoghi vivi di relazione con gli utenti del tuo Brand.

Home Blog Pubblicato
da

Artour Glitch, l’artista-hacker che ha “bucato” Media World

Artour Glitch, l’artista-hacker che ha “bucato” Media World

Arte e hacking possono coincidere, ma quando capita è difficile capire con esattezza dove finisce l’una e dove inizia l’altro. Nel mezzo può scorrere infatti un fiume di informazioni, messaggi e riflessioni. Ed è proprio qui che si inserisce Artour Glitch, probabile pseudonimo di un collettivo che recentemente ha sfruttato la potenza dell’informatica attraverso un canale alternativo ai soliti luoghi istituzionali dell’arte: Media World.

Sono la tua droga, sei la mia vittima“, una frase che nessuno si aspetterebbe mai di leggere sul proprio computer e che invece è proprio quello che è successo qualche giorno fa, sabato 28 giugno a La Spezia. “Così nel mondo dei media, dove tv e computer fanno bella mostra di sé grazie alla nitidezza dei loro schermi, svelo l’opacità del sistema introducendomi in esso”, si legge sulla pagina del progetto e continua, “Grazie a Bugspot, un nuovo dispositivo elettronico, è stato possibile infiltrarmi nella rete wi-fi del megastore manipolarne i dati e il traffico web e mostrare le mie opere a chiunque vi si connettesse”. Gli avventori del centro commerciale sono stati “vittime” di sette interventi glitch (un glitch è un breve difetto del sistema in vari campi di applicazione dell’elettronica) che hanno avuto lo scopo di mettere lo spettatore di fronte alla “potenza” dei media. “Le persone che navigano su computer e tablet del negozio infatti non si aspettano di essere ‘attaccate’ da una macchina, si sentono spaesate, non capiscono cosa stia succedendo“.

7 glitch interventions on media world from artour glitch on Vimeo.

Chiunque sia capitato da quelle parti ha trovato queste frasi ad aspettarlo:
I am your bug,
I am your virus,
I am your drug.
You are my victim,
my unaware spectator,
I am you,
and you are watching me
A. Glitch

Artour Glitch Mediaworld

Inquietante, vero, ma anche fortemente d’impatto. Viene in realtà da domandarsi se non sia una promozione interna della stessa Media World, ma si abbandona in fretta tale idea se si ragiona sulle campagne pubblicitarie della catena, così lontane da questo genere di iniziative. Forse le implicazioni legali potrebbero complicare la vita ad Artour Glitch, ma bisognerà attendere i prossimi sviluppi. Di certo c’è che un’azione del genere cattura l’attenzione e apre le porte a un nuovo tipo di arte e informatica che finora abbiamo visto solo in qualche film.

Hacker

 

L’operazione “7 Glitch interventions on Media World” è stata progettata e sviluppata nel laboratorio immaginario REFRAMED, uno spazio di immaginazione collettiva vicino agli ambienti dell’Accademia di Belle Arti di Carrara e un contenitore di contaminazioni sperimentali tra nuovi media digitali e spazio pubblico.

Copywriter & Social Media Consultant

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi la policy sui commenti.