Rendiamo felici gli utenti del tuo mondo digitale

Progettiamo, costruiamo e facciamo evolvere sistemi di comunicazione digitale.
Luoghi vivi di relazione con gli utenti del tuo Brand.

Home Blog Pubblicato
da

Google Plus apre agli account anonimi

Google Plus apre agli account anonimi

Quando tre anni fa è stato lanciato Google Plus, il progetto iniziale era di creare una community di persone reali e di attività commerciali verificate.

Per gli utenti ciò significava registrarsi utilizzando obbligatoriamente il proprio nome e cognome, nessun nickname o pseudonimo dunque dietro cui nascondere la propria identità.

Malgrado sin dal principio siano state numerose le proteste degli utenti contro le politiche restrittive, Google ha sempre rifiutato la possibilità di usare nomi non reali.

Recentemente il colosso di  Mountain View ha cambiato idea e in un post ha annunciato dei cambiamenti: “Quando abbiamo lanciato Google Plus oltre tre anni fa, abbiamo imposto numerose restrizioni su quale nome si può utilizzare sul proprio profilo. Ciò ha contribuito a creare una comunità fatta di persone reali, ma ha anche escluso una serie di persone che volevano far parte di questo mondo senza usare i loro veri nomi”.

Google prosegue scusandosi con gli utenti se hanno avuto “esperienze difficoltose” e si augura che con tale cambiamento il social diventi un luogo piacevole e accogliente per tutti.

Da oggi dunque tra le opzioni del profilo è possibile aggiungere un nickname e scegliere il metodo di visualizzazione del proprio nome: il nickname tra parentesi o a centro tra il nome e il cognome. Ma Google avverte che cambiando nome e aggiungendo un nickname ci sarà un cambiamento anche negli altri servizi come Gmail e YouTube.

La notizia è stata accolta con stupore e soddisfazione dagli utenti, soprattutto da chi è conosciuto in rete con un nickname o uno pseudonimo, che da adesso potranno presenziare Google Plus senza alcuna restrizione relativa al nome.

Se oramai è chiaro che per molti utenti e aziende è fondamentale presenziare il social di Mountain View, per gli utenti resta ancora Facebook il social più amato e utilizzato.

Forse questa nuova apertura verso l’utilizzo di nickname e pseudonimi porterà dei nuovi utenti alla piattaforma.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi la policy sui commenti.