Rendiamo felici gli utenti del tuo mondo digitale

Progettiamo, costruiamo e facciamo evolvere sistemi di comunicazione digitale.
Luoghi vivi di relazione con gli utenti del tuo Brand.

Home Blog Pubblicato
da

MSN Messenger muore e rinasce tra portale web e app

MSN Messenger muore e rinasce tra portale web e app

Chi si trova nell’età degli Enta o Anta non può rimanere indifferente – sigh, sob – Microsoft annuncia la chiusura definitiva di MSN, si MSN! Ricordate l’omino verde? Correva l’anno 1999 quando Microsoft lanciava Windows Live Messenger – ma tutti lo abbiamo sempre chiamato MSN – il programma di messaggistica istantanea che fino a 5 anni fa contava 330 milioni di utenti attivi. E all’orizzonte spunta una novità che già tutti possono vedere su http://preview.msn.com/: di cosa si tratta? Ok, un passo alla volta.

La chiusura – ampiamente prevista dai più – è da attribuire a social network come Facebook e Google Plus che, sia nelle versioni desktop che mobile, dispongono di chat integrate. Applicazioni come WhatsApp, Viber e WeChat hanno sferrato il colpo di grazia.

In realtà la chiusura di MSN non è una novità. Lo switch off era progressivamente iniziato da Aprile del 2013 in Italia e nel resto del mondo. Oggi MSN continua ad essere utilizzato solo in Cina, ma entro il 31 Ottobre anche i cinesi dovranno dire addio definitivamente allo storico servizio di messaggistica istantanea di Microsoft.

I tempi cambiano e così le nostre abitudini. È stupefacente come applicazioni, siti web, device, siano capaci di farci ricordare precisi momenti della nostra vita, proprio come le foto dell’album di famiglia. È il progresso gente! Non vi è nulla di strano e nulla di cui vergognarsi se chi, come me in questo momento, può provare dell’autentica nostalgia pensando… ad un software. Un software all’apparenza freddo, impersonale, senza anima. Ma non è così: MSN non solo collegava persone, ma le relazionava! Infine, due cose per le quali ricorderemo sempre Messenger: i trilli e la sfilza di animoticon per le quali, ricordo, si faceva a gara per trovare le più assurde e divertenti.

Microsoft ha iniziato ad inviare via mail la comunicazione dell’interruzione del servizio, invitando  l’utenza cinese a migrare su Skype (acquistato nel 2011, per 8,5 miliardi di dollari), offrendo 2 dollari di credito per le chiamate VoIP, al fine di incentivarne il passaggio. Si chiude, dunque ufficialmente, un’era, durata quindici anni.

E al suo posto? Cosa cambia? Cosa succederà?

In realtà Microsoft ha già dichiarato la sua intenzione al Mondo intero: “”Il nuovo MSN distribuirà sul web i contenuti più popolari e più completi del mondo; previste App per dispositivi Windows, Android e iOS”. Pare infatti che il portale offra contenuti da ogni fonte, integrato con servizi e piattaforme quali OneDrive, Skype, Outlook, Facebook e Twitter. A breve verranno rilasciate anche “diverse” app per smartphone e tablet e quelle esistenti di Bing stanno per essere “rinominate” – e di fatto brandizzate – come MSN apps.

MSN preview

Muore MSN, ma rinasce dalle ceneri, insomma! In realtà non c’è da stupirsi: MSN ha ancora un’audience di 425 milioni di persone in 50 Paesi. Visto che siamo sempre tutti più “social” e più collegati grazie alla grande varietà di device a nostra disposizione, perché non puntare proprio lì?

Ora la domanda da farsi è: questa strategia premierà Microsoft?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi la policy sui commenti.