Rendiamo felici gli utenti del tuo mondo digitale

Progettiamo, costruiamo e facciamo evolvere sistemi di comunicazione digitale.
Luoghi vivi di relazione con gli utenti del tuo Brand.

Home Blog Pubblicato
da

SEO e Virale: è nato prima l’uovo o la gallina?

SEO e Virale: è nato prima l’uovo o la gallina?

Chiaccherando con l’amico Matteo Bianconi ci siamo trovati a discutere di questo articolo di Mark Schaefer dove l’autore si pone alcune domande su SEO e contenuti virali.

what drives hero content What drives hero content? – Mark Schaefer

L’autore ha fatto delle osservazioni in base alla sua esperienza fatta con i tre post di maggiore successo del suo blog. Siamo così andati a cercare nella letteratura degli Antichi Greci, abbiamo chiesto a Pensiero Profondo (attendiamo ancora risposta)abbiamo interpellato perfino l’Oracolo del Sud, ma non siamo riusciti a trovare la risposta alla fatidica domanda: È nato prima l’uovo o la gallina?

Ovvero:

È la SEO che fa diventare un contenuto virale oppure è il contenuto virale che aiuta la SEO?

L’autore dell’articolo si chiede quale sia la relazione tra SEO e Content. Mark ci racconta che i suoi tre maggiori post di successo sono quelli per i quali non ha minimamente pensato ad una particolare ottimizzazione. Peggio, ci dice che sono probabilmente i post meno ottimizzati che abbia scritto.

Ma cosa è che rende questi post speciali?

Qualche indizio ce lo fornisce l’autore stesso:

  • “Ho creato dei contenuti che sapevo la gente avrebbe apprezzato”;
  • “Ho impiegato moltissimo tempo nella produzione di questi contenuti”;
  • “I contenuti erano molto lunghi”;

I contenuti erano utili e interessanti.

Mark ammette di essersi ricreduto sul fatto che contenuti lunghi fossero noiosi per gli utenti: “Questi tre post non erano solamente i più popolari, erano anche i post più lunghi scritti durante l’anno”.

L’articolo per chi lavora nel campo SEO è una sorta di “scoperta dell’acqua calda”.

Ha ragione quando dice che i migliori pezzi sono quelli che ha scritto non pensando affatto alla SEO.  Ma è ovvio, si è focalizzato meglio sulla qualità degli stessi.
Questo perchè:

La SEO aiuta l’indicizzazione, il contenuto ti posiziona

Mark asserisce che:

  • Un contenuto virale non ha necessità di SEO;
  • Il classico e sempreverde storytelling ha necessità di SEO;
  • Per contenuti ordinari la SEO è di primaria importanza;

HHH-and-SEO-diagram HHH and SEO diagram Mark Schaefer

Ciò che a mio avviso Mark non ha subito colto è la concorrenza. 

Per sua natura Un ottimo contenuto ha  bassa concorrenza. Quanti dei tuoi concorrenti spendono settimane a produrre un articolo, un video o un’infografica? Pochi probabilmente.
È più facile quindi che emerga sul Web, sia esso nelle SERP di Google o su altri canali. Un ottimo contenuto comincia in maniera del tutto naturale a innescare classici meccanismi di passaparola su tutti i canali. È così che diventa virale.

Un ottimo contenuto viene linkato da Blogger sparsi per il Web aumentando le visite e l’autorevolezza agli occhi di Google (conseguentemente stiamo facendo SEO).

Ricordi il motto di Google “Content is King”? Detto questi capisci come il Content Marketing è di primaria importanza al giorno d’oggi e che, se scrivi bene pensando al tuo pubblico, stai facendo SEO.

La SEO non è altro che un megafono che serve a dare maggiore voce ai contenuti. Per piccole nicchie con bassa concorrenza e in presenza di una buona produzione di contenuti la SEO è probabilmente meno importante (anche se vi ho già parlato di come senza accorgercene potremmo commettere grossi errori SEO).

La SEO è anche misurazione. Per capire in maniera precisa e puntuale i trend degli utenti e dei concorrenti, porre obiettivi di business importanti, orientare gli investimenti, occorre sempre una strategia seria e professionale altrimenti gli sforzi per produrre contenuti di rilievo rischiano di essere vani.

Quando il gioco si fa duro, quando i nostri competitor si trovano in varie parti del mondo, quando il mercato è molto competitivo, allora è lì che la sinergia tra contenuto e corretta indicizzazione dà i massimi risultati.

Images Credits: Mark Schaefer @ www.business2community.com

SEO Specialist

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi la policy sui commenti.