Rendiamo felici gli utenti del tuo mondo digitale

Progettiamo, costruiamo e facciamo evolvere sistemi di comunicazione digitale.
Luoghi vivi di relazione con gli utenti del tuo Brand.

Home Blog Pubblicato
da

#WakeUpCall per l’UNICEF è il nuovo #IceBucketChallenge

#WakeUpCall per l’UNICEF è il nuovo #IceBucketChallenge

È forse superfluo ricordare l’ #IceBucketChallenge: l’iniziativa a favore della lotta alla SLA ha avuto un grande impatto sui media e fatto in modo che ormai tutti sappiamo di cosa stiamo parlando. Lo sviluppo virale della campagna ha fatto riflettere diverse persone del mondo della comunicazione e molti Enti, Associazioni benefiche e ONG hanno cominciato a pensare a nuovi modi per proporre raccolte fondi utili alla ricerca o agli aiuti umanitari. Proprio in quest’ultimo proposito si inserisce la nuova iniziativa dell’UNICEF per aiutare i 6.5 milioni di bambini che vivono in Siria, terra nota per il sanguinoso conflitto che ogni giorno miete vittime innocenti.

Questa nuova iniziativa si chiama #WakeUpCall e a darne visibilità in primis è stata la giornalista inglese Jemima Khan, alla quale già diversi VIP e utenti hanno dato feedback.

Il funzionamento è semplice: farsi una foto appena svegli, donare soldi all’UNICEF, postare la foto sul proprio account di Twitter (o altri social network) e invitare tre amici a ripetere l’operazione.

La campagna è dedicata alla sezione inglese dell’UNICEF e Jemima nel suo tweet iniziale si riferisce a un numero dedicato specifico per l’Inghilterra, ma ci si aspetta che anche gli altri dipartimenti nazionali del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia si muoveranno in questa direzione. In Italia c’è già una pagina dedicata alle donazioni per l’emergenza in Iraq e Siria. Al momento l’iniziativa sta godendo di un ottimo passaparola, come dimostrano i numeri:#wakeupcall

Ci si potrebbe chiedere fino a quando funzioneranno queste iniziative, visto che gli utenti si stancano in fretta di qualsiasi cosa. Allo stesso tempo rispondere diventa forse inutile: quale azione è migliore di quella che ci permette di aiutare qualcuno senza ricevere nulla in cambio?

Copywriter & Social Media Consultant

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi la policy sui commenti.