Rendiamo felici gli utenti del tuo mondo digitale

Progettiamo, costruiamo e facciamo evolvere sistemi di comunicazione digitale.
Luoghi vivi di relazione con gli utenti del tuo Brand.

Home Blog Pubblicato
da

Mobile Friendly: l’evoluzione della specie secondo Google

Mobile Friendly: l’evoluzione della specie secondo Google

La SEO, come tutto ciò che ruota intorno al web marketing, è in continua evoluzione.
E come ogni evoluzione che si rispetti vi è l’importantissimo processo di  selezione naturale, che nel mondo del web, è spesso guidato dalle decisioni di Google.

Ultimamente, ad esempio, il motore di ricerca ha deciso di prendere seriamente la faccenda del Mobile Friendly, quell’importantissima etichetta che compare nei risultati di ricerca da Mobile accanto alle descrizioni dei siti web. Dal 21 aprile, infatti, chi non godrà di questo “riconoscimento” verrà penalizzato da un algoritmo creato da Google, per verificare l’usabilità del sito a 360 gradi: dall’interfaccia grafica alla corretta implementazione del codice.

Google Mobile Friendly

Mobile come fattore di ranking

La notizia era già nell’aria e adesso è arrivata con una propaganda da parte di Google da fare invidia anche ai candidati alle elezioni presidenziali statunitensi.

La nostra agenzia già da tempo fornisce dati a supporto dei clienti per spingere ad investire su tutto ciò che ruota attorno alla fruizione dei contenuti in mobilità.

Era facile immaginare, fin dalla comparsa dell’etichetta Mobile Friendly, che prima o poi sarebbe diventato un importante fattore di posizionamento. E oggi che la profezia si è avverata, il nostro consiglio è quello di sfruttare quest’occasione per aggiornare i propri siti e poter essere a portata di smartphone e tablet.

Ricordiamo che l’accesso a Internet in mobilità ha registrato nell’ultimo anno percentuali sempre più alte, che non devono essere trascurate da chi vuole dare una certa visibilità al proprio sito web. L’ottimizzazione mobile, dunque, non è obbligatoria ma diviene indispensabile.

Chi avrà un sito con delle pagine non ottimizzate per dispositivi mobile, infatti, non sarà premiato sui risultati di ricerca. In linea teorica, tra due siti dotati della stessa “fiducia” da parte dei motori di ricerca, vincerà quello ottimizzato per i dispositivi mobile, perché in grado di offrire un’esperienza utente migliore.

Quindi dal 21 Aprile assisteremo all’estinzione di molti siti?

Se questa è la domanda che vi state ponendo, la risposta è no. Niente panico!         Google ha affermato che l’algoritmo lavorerà pagina per pagina, ciò significa che ogni pagina verrà scansionata e analizzata dal motore di ricerca che, in caso di esito positivo, assegnerà l’etichetta Mobile Friendly.

Ricordiamo che il nuovo algoritmo si aggiunge agli altri centinaia di fattori che continuano a coesistere  e che determinano il posizionamento in SERP di un contenuto. Il consiglio ovviamente è di essere Mobile Friendly a prescindere dal nuovo aggiornamento algoritmico.

Suggeriamo quindi di accedere a Google Analytics, dare un’occhiata alle statistiche del proprio sito e verificare il peso che le visite da mobile hanno sul totale degli accessi al sito. Inoltre, per un’analisi più completa è anche importante capire quali siano i contenuti di maggiore interesse che attirano visitatori.

Essere Mobile Friendly è importante anche per il Social Media Marketing.

Sapevi che un’enorme fetta di utenti Facebook utilizza l’app per smartphone?
Cosa succede quando qualcuno condivide una pagina non ottimizzata? Molto probabilmente si tradurrà in un visitatore scontento che abbandonerà il nostro sito. Un’occasione persa…

Sapevi che molte delle intenzioni di acquisto degli utenti nascono da una prima ricerca via mobile? 
Se hai un sito con delle pagine che illustrano prodotti e/o servizi, ti sei preoccupato di ottimizzarle per il mobile? Fai attenzione! Sarebbe davvero un’opportunità persa non essere presente nelle SERP di chi sta cercando proprio la tua attività!

E le tue campagne pubblicitarie online?
Diamo per scontato che il tuo consulente, prima di avviare una qualsiasi campagna PPC, nel definire il target degli annunci, abbia verificato la compatibilità con i dispositivi mobile. Non sottovalutare questo aspetto… Avere il sito ottimizzato per Mobile apre la possibilità di allargare la visibilità delle tue campagne. 

Come faccio a sapere se il mio sito web è ottimizzato per mobile?

Semplice: per una verifica veloce, Google ha messo a disposizione degli utenti questo utilissimo e semplice tool: https://www.google.com/webmasters/tools/mobile-friendly/. Basta inserire l’indirizzo di una qualsiasi pagina web del sito per verificare l’usabilità sui dispositivi mobile.

Per concludere, riconosciamo che Google abbia messo un paletto molto importante ma nella realtà dei fatti non essere Mobile Friendly era e sarà un importante limite.

Prima degli algoritmi di Google, il buonsenso.

Commenti

  1. Pingback: Sai che gli italiani sono i più tecnologici d’Europa? – IM*MEDIA Blog

  2. Pingback: Dopo “Mobile Friendly” avremo “Slow to Load” – IM*MEDIA Blog

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi la policy sui commenti.